Caricamento Eventi
Scritto e diretto da Stefano Sartore

con

Anaïs Klein, Jean-Yann Verton, Damien Escudier, Jean-Philippe Vincent, Clément Radouan, Eylan Martz

Direttore della fotografia Guilhem Rey Ferradini

Operatore Samuel Casanovas

Assistente operatore Aldric Tisserand

Ingegnere del suono Vincent De Jode

Musiche Jean-Philippe Vincent

Immagine Valentino De Labaise

Ringraziamenti 

ACFA Multimedia, Théâtre de la Plume (Montpellier), Illusion & Macadam, Christof Hachet, Alain Valeau

Di cosa parla?

Un uomo, un ragazzo e una donna stanno cercando un appuntamento su un’applicazione di incontri online, un gruppo di ragazzi invece qualcuno a cui far del male. La sorte deciderà chi potrà trovare l’amore per una sera e chi cadrà nella rete del gruppo. Come nella roulette russa, un solo colpo può fare la differenza.

Perché?

“Nel 2017 quasi per caso mi sono imbattuto in una serie di articoli in cui veniva raccontato che la polizia cecena utilizzava i siti di incontri gay per cercare omosessuali, arrestarli e torturarli. Veniva offerta ai malcapitati, come alternativa alle torture, la possibilità di utilizzare lo stesso sito di incontri per “catturare” e portare alle autorità altre persone omosessuali. Questa notizia mi ha molto scosso ed è rimasta nascosta in un angolo della mia mente fino a quando, scrivendo «La roulette rousse», è emersa con tutta la sua violenza.”

Stefano Sartore

Ancora oggi purtroppo e sempre più frequentemente ci troviamo di fronte ad atti di violenza omofoba, contro le donne, contro le minoranze etniche o di genere. Questo progetto, nel suo piccolo, vuole essere un messaggio di sensibilizzazione sulla necessità di una legge che tuteli questi soggetti discriminati. Soprattutto in un momento come questo nel quale gran parte delle istituzioni considera questa legge “non prioritaria”, è invece importante che se ne parli. Questo progetto è nato quindi con l’intento di sollevare un dibattito riguardo queste tematiche e per denunciare tali atti di violenza: per questi motivi riteniamo utile e socialmente importante diffondere e far conoscere il più possibile “La roulette russe”.